Autoerotismo (Mentale).

Se hai deciso di leggere questo articolo perché attirato dal titolo accattivante che richiama ad una pratica sessuale che tutti facciamo, più o meno, beh devo deluderti. Di queste cose parlo solo con le mie amiche oppure con i ragazzi con i quali ho un certo grado di intimità (ovviamente molto pochi). Magari, quando mi verrà voglia, aprirò un altro blog dove potrò affrontare questi argomenti come se fossi la Carrie Bradshaw dei poveri. Qui sono semplicemente Emily e racconto di me, delle mie emozioni, dei miei sentimenti. Tendenzialmente sfogo le mie frustrazioni e i miei dolori qui con scopo terapeutico, anche se cerco di non varcare mai un certo limite, perché non voglio spogliare tutta me stessa fino al centro della mia anima. Quel nucleo deve rimanere intatto e inviolato da chiunque. Gli strati intorno devono essere maneggiati con cura, per evitare che si verifichino delle falle. Trattassi allo stesso modo il mio cervello, forse, avrei attitudini diverse. Non so, certe volte credo di provare piacere nel farmi del male da sola, una masochista di primo livello, ma piuttosto che provare piacere, provo solo un immenso dolore che si ripercuote non solo a livello mentale, ma anche fisico. Quelle che tutti noi chiamiamo “seghe mentali” per me sono qualcosa di più di un semplice atto meccanico. Io ho la capacità innata di trasportare un pensiero quasi alla concretezza ed è per questo che le mie possono definirsi Saghe Mentali, con prima, seconda, terza, quarta, quinta, sesta e settima parte. “Guerre Stellari” è roba da principianti.
Gli elementi ci sono tutti: personaggi, trama fitta, pathos, una serie di emozioni che contrastano tra loro e una colonna sonora degna di Oscar. La sceneggiatura scritta e curata dalla sottorscritta che è pure resgista. Beh che dire, Hollywood potrebbe anche propormi un contratto.
A prescindere dall’estrema ilarità su questo argomento e la conseguente divagazione, io le mie Saghe mentali le vivo male. Molto male. Ci sono di quei momenti in cui le vivo così intensamente da provocarmi attacchi di panico e mal di testa. Il mio cervello è in continuo movimento e temo che (prima o poi) presto diverrà pazzia. Probabilmente sono già pazza perché non riesco a gestire una cosa più forte di me! Oltre che della mia sanità mentale ne viene meno pure la mia intelligenza.
Odio dover ammettere che forse LUI, quello che cerca di analizzarmi nei piccoli dettagli, ha un po’ ragione nel dirmi che io sono una persona che rimungina troppo sulle cose, che si ossessiona nel cercare assiduamente il significato dietro ad un gesto, piuttosto che dietro ad una frase. Mi ossessiono a tal punto da ossessionare chi ho di fronte, esaurendolo e privandolo di ogni piacere nel condividere con me qualsiasi cosa, divenendo un pesande macigno, troppo faticoso da sopportare. A mente sana, come lo sono ora, riesco anche ad andare oltre al semplice ragionamento e cogliere l’essenza delle cose. Poi quando incomincio a fare la paranoica tutto svanisce. Mi sento un po’ una idiota. Just a little bit.
Tempo fa la mia amica Ro mi ha regalato un libro per smettere di provocarmi autoerotismo mentale e riuscire finalmente a godermi la vita. Un libro ironico, piacevole e divertente, ma è rimasto lì sullo scaffale. Ebbene sì, mi privo continuamente di godere delle gioie della vita, lasciando spazio a paranoie, ansie e insicurezze, dimenticandomi di vivere al meglio le mie giornate. Faccio anche io autocritica e vedrò di migliorare. Magari domani saprò affrontare meglio le cose, oppure avrò un attacco di ulcera. Let’s try!!!

 

Annunci

2 thoughts on “Autoerotismo (Mentale).

  1. Massi 3 settembre 2013 alle 10:57 pm Reply

    Cara Emily, ti capisco…il problema potrebbe essere che finché sono seghe o saghe, sembra non abbiano una base di gran positività…magari mi sbaglio, ma essendo anche io come te utilizzo un approccio diverso. Io li chiamo “sogni ad occhi aperti”. Fin qui, niente di nuovo, il fatto è però che mi limito a far girare per la testa le cose positive. Lo ritengo creativo e non mi interessa smettere, ma nel momento in cui non sono più sogni ma seghe, almeno dal mio punto di vista me ne libero…non bisogna esserne schiavi, altrimenti non si vive bene, ma sfruttarli, come dici tu, come film “fatti in casa”….

    • emilymcooper 6 settembre 2013 alle 11:10 pm Reply

      Grazie Massi per il commento!! Sicuramente hai ragione nel dirmi che i pensieri nella nostra testa debbano avere una positività, anche solo lieve per poter divenire qualcosa di buono. Io ho il brutto difetto di non attuare questa politica, svalutando tutto quello che possiedo, e oltretutto pecco in ambizione. Il sogno nel cassetto è sempre la felicità. La chiave per aprirlo è sempre nella mia mano. Finché avrò paura, forse farò sempre fatica. Ma ci stiamo lavorando! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: